Piccola Guida per Autostoppiste Felici

(Da leggere con questa colonna sonora e due fette di melone.) Quando ho deciso di intraprendere questo Viaggio la cosa che credevo mi spaventasse di più era l'autostop. Ogni volta, ma sul serio, ogni volta che ne ho accettato uno mi son sentita dire: “Ma non hai paura? Di questi tempi, una donna da sola, con... Continue Reading →

A me MI piace*

L'odore della mia pelle quando prende il sole, i capelli che son stati lavati solo con acqua di fiume per almeno due giorni, vedere i peli sulle gambe ormai lunghi e pensare che va poi bene anche così Farmi bastare una maglietta, sciacquare le mutande nella fontana e farle asciugare attaccate allo specchietto della macchina... Continue Reading →

Ma tu, non hai paura?

Ma non hai paura? {di partire, di tornare, di non sapere cosa farai il prossimo mese, del bosco, della notte, di quell'uomo} Certo che ne ho. Sono nata con taglio cesareo con qualche giro di cordone ombelicale intorno al collo. Sono nata piccola, con un ciuffo di capelli rossi in testa. Nascere o morire. Penso... Continue Reading →

Tu sai di Libertà

La cosa più bella che mi è stata detta negli ultimi giorni è: "Tu sai di Libertà". E probabilmente é questo che io, davvero, con questo viaggio cerco e cercavo. C'è una parte di me che mi sta dando dell'incosciente, quasi arrogante, in questo momento. Innegabile, ma ciò che è accaduto é che non avevo... Continue Reading →

Settecentosessatasette.

767 euro sono le colazioni da principessa preparatemi mentre dormivo, le granite con la panna (e la brioche, certo che te la devi prendere la brioche!), i panini di Peppe sulla nave e tutte le cene offerte al ristorante. Maquantevoltehomangiatofuoriinquestimesi?!? Sono i 19 autostop che da Cosenza mi hanno portata a Messina, passando per Lampedusa.... Continue Reading →

E adesso, che fai?

C'è chi me lo chiedeva che ero ancora a metà viaggio, cosa avrei fatto dopo. E sarei bugiarda a dire che nessuna parte di me ci pensava, un po', la sera, prima di dormire. Ora il viaggio si è concluso davvero. Quando c'è qualcosa di complesso da fare, io ci penso. "Sei arrivata a Lampedusa... Continue Reading →

Viaggiare senza soldi e mangiare al ristorante*

[ma é impossibile!!!?] Che Palermo fosse magica io lo sentivo. Che io fossi sulla mia strada, questo era chiaro. Questa storia però supera l'immaginazione. Mercoledì, quando sono arrivata in città e aspettavo l'arrivo di Giada, sorella di Viaggio da sola perché, ho cercato un locale per chiedere, gentilmente, di utilizzare la toilette. Il Tutto, la Vita,... Continue Reading →

Blog su WordPress.com.

Su ↑